CERTIFICATO

certificato

ISO 22716 Buone pratiche di produzione nei cosmetici
Certificazione> Certificazione del sistema

ISO 22716 Buone pratiche di produzione nei cosmetici

ISO 22716 Quali sono le buone pratiche di produzione nei cosmetici?


Good Manufacturing Practices (GMP) si basano sulla preparazione della nuova Direttiva Europea sui cosmetici. Questa direttiva stabilisce requisiti molto elevati per garantire la sicurezza dei consumatori.

ISO 22716 Buone pratiche di produzione nei cosmetici

Secondo questo nuovo regolamento, tutti i prodotti cosmetici da vendere nei paesi dell'Unione Europea devono essere prodotti in conformità con le Pratiche di Fabbricazione del Prodotto cosmetico stabilite nello standard ISO 22716. Pertanto, tutti i prodotti cosmetici non europei nella catena di società sono interessati.

Produttori, produttori, distributori, importatori, esportatori, tutti gli attori coinvolti nel commercio di cosmetici hanno assunto nuove responsabilità con questa direttiva.

ISO 22716 Le buone pratiche di fabbricazione nei cosmetici si concentrano su fattori umani, tecnici e amministrativi che incidono in modo specifico sulla qualità del prodotto e comprendono una gamma di consulenza applicata, regole di lavoro e regole operative. Lo scopo dello standard ISO 22716 è identificare le attività che portano al prodotto finale che soddisfa le specifiche previste e quindi la sicurezza del prodotto.

Questo standard è stato sviluppato dall'International Organization for Standardization (ISO) e ha coinvolto professionisti dell'industria cosmetica. ISO 22716 Buone pratiche di produzione in cosmetici offre i migliori metodi in questo campo. Lo scopo di questo standard non è limitato alle attività di produzione, ma anche alle attività di controllo, stoccaggio ed esplorazione.

Oggi tutti i prodotti cosmetici che circolano nei paesi dell'Unione Europea devono essere prodotti secondo lo standard ISO 22716 per la buona prassi di fabbricazione dei cosmetici e l'attuale Direttiva Europea sui cosmetici.
In conformità con questo regolamento e lo standard ISO 22716, in particolare la tossicità degli ingredienti dei prodotti cosmetici, l'etichettatura dei prodotti, la preparazione di un dossier completo del prodotto e la notifica obbligatoria alla Commissione Europea per l'introduzione di nuovi prodotti comportano una maggiore responsabilità per produttori e distributori. Tuttavia, altri paesi al di fuori dell'Unione Europea, dove si sta sviluppando il mercato dei cosmetici, sono anche sulla strada per implementare ISO 22716 Cosmetic Good Manufacturing Practices come requisito obbligatorio per loro.

ISO 22716 Buone pratiche di produzione nei cosmetici Quali vantaggi per le aziende?


ISO 22716 Buone pratiche di produzione in cosmetici fornisce un quadro per le imprese in questo campo per la produzione, il controllo, lo stoccaggio e il trasporto di prodotti cosmetici. Queste regole riguardano solo gli aspetti qualitativi del prodotto.

Altrimenti, non copre la salute e la sicurezza dei dipendenti o la protezione dell'ambiente. Inoltre, non copre le attività di ricerca e sviluppo di questi prodotti.

Le aziende che applicano lo standard ISO 22716 e ricevono il certificato ISO 22716 Cosmetics Good Manufacturing Practices ottengono prima di tutto la reputazione sul mercato e aumentano la loro competitività. Come risultato di questo standard, le imprese sono sempre preparate contro gli audit ufficiali in quanto continuano a rispettare le normative legali in vigore.

Naturalmente, i costi delle aziende diminuiscono e la loro efficienza operativa aumenta. D'altra parte, le aziende stanno guadagnando vantaggi nel commercio mondiale grazie al certificato ISO 22716.

ISO 22716 Perché le buone pratiche di fabbricazione sono importanti nei cosmetici?


La sicurezza dei prodotti cosmetici è spesso un problema nelle menti di produttori, fornitori e autorità di regolamentazione. Nel corso degli anni sono stati stabiliti numerosi standard nazionali e internazionali per soddisfare le esigenze di produttori, fornitori, grossisti e dettaglianti al fine di migliorare la qualità e la sicurezza dei prodotti cosmetici.

Tuttavia, Good Manufacturing Practices (GMP), progettato dall'International Organization for Standardization, fornisce una guida dettagliata alla produzione sicura di prodotti cosmetici. Lo standard ISO 22716 è stato adottato e pubblicato in molti paesi. Nel nostro paese è stato pubblicato dal Turkish Standards Institute (TSE) con il titolo: TS EN ISO 22716 Cosmetics - Good Manufacturing Practices (GMP) - Guida alle buone pratiche di produzione.

Lo standard ISO 22716 fornisce un approccio completo al sistema di gestione della qualità per le aziende impegnate nella produzione, test, imballaggio, stoccaggio e trasporto di prodotti finiti cosmetici. Questo standard può essere facilmente integrato con il sistema di gestione della qualità ISO 9001 e gli standard del sistema di gestione ambientale ISO 14001.

In generale, i consumatori sono sempre più preoccupati per la sicurezza dei loro prodotti cosmetici. C'è stato un aumento nell'inconveniente causato da cosmetici con contenuto colorato o tossico negli ultimi anni. Alcuni profumi e conservanti utilizzati nella produzione cosmetica mostrano reazioni allergiche nei consumatori. Il dosaggio corretto di queste sostanze è estremamente importante per prevenire l'irritazione della pelle.

L'effetto dei conservanti è comune. Ad esempio, nelle creme di bellezza contenenti mercurio, quando la quantità di mercurio è superiore a determinati valori, si osservano chiari sintomi tossici nei consumatori. Tali eventi hanno sempre colpito le persone. Per questo motivo, è importante adottare i regolamenti scritti necessari e stabilire standard nazionali e internazionali. In questo modo, è stata creata una struttura sistematica per produrre prodotti cosmetici in conformità con le specifiche di prodotto predefinite e approvate e si prevede di includere i produttori e le aziende nella catena di distribuzione.

CEmONC


ISO 22716 Le buone pratiche di fabbricazione nei cosmetici sono richieste dai produttori e dai fornitori per ovviare alle carenze della catena di approvvigionamento e per garantire la sicurezza dei prodotti cosmetici globali.

Lo standard ISO 22716 è stato pubblicato su 2007. Questo standard combina buone pratiche di produzione e elementi di valutazione del rischio con un sistema completo di gestione della qualità ed è uno standard internazionale verificabile che stabilisce i requisiti per i prodotti cosmetici. La direttiva CE 1223 sulla sicurezza dei consumatori di prodotti cosmetici, basata su questa domanda, ha approvato il Parlamento europeo in 2009.

Dietro questo standard è stato approvato e adottato da molti paesi in tutto il mondo. Ad esempio, durante una riunione in 2008, è stato raggiunto un accordo con gli sforzi congiunti di Stati Uniti, Unione Europea, Giappone e Canada per implementare lo standard ISO 22716 laddove possibile.

ISO 22716 Le buone pratiche di fabbricazione nei cosmetici sono costituite da cinque elementi di base: sistema di gestione della qualità cosmetica e organizzazione, strutture e attrezzature, realizzazione del prodotto e gestione dei materiali, deviazioni, reclami e solleciti e miglioramento continuo.

Questo sistema si basa sulla creazione e il mantenimento di una base di dipendenti qualificati e qualificati in grado di produrre continuamente prodotti sicuri. In un'azienda produttrice di cosmetici, è importante che i dipendenti siano ben informati e istruiti. Inoltre, la creazione di canali di comunicazione efficaci all'interno dell'azienda e la garanzia della partecipazione dei dipendenti a tutti i livelli dovrebbero costituire la priorità della direzione.

Allo stesso modo, la progettazione di produzione, stoccaggio, controllo qualità e altre aree è la chiave per lo standard ISO 22716. Queste aree dovrebbero essere progettate per il loro scopo per garantire un accesso e un flusso corretto dei materiali. La chiara separazione delle attività di produzione e stoccaggio e la prevenzione delle miscele sono importanti per la pulizia e l'igiene. Dovrebbe essere organizzata una manutenzione regolare di strutture e attrezzature e calibrazione dei dispositivi.

Inoltre, l'azienda che opera in conformità con lo standard ISO 22716, le materie prime acquistate, i componenti e i materiali di imballaggio, come le caratteristiche tecniche della produzione nelle varie fasi della produzione, dovrebbero aver fissato criteri di qualità.

La nostra azienda offre servizi di certificazione ISO 22716 per le buone pratiche di fabbricazione dei cosmetici tra i suoi numerosi servizi di certificazione di sistema con la sua infrastruttura tecnologica forte e personale esperto formato ed esperto.
Fornendo questi servizi di certificazione, la nostra organizzazione rispetta gli standard pubblicati dalle organizzazioni nazionali e straniere, i metodi accettati in ogni parte del mondo e le normative legali in vigore e fornisce un servizio di qualità, rapido, perfetto e affidabile.
PROCESSO DI CERTIFICAZIONE

Prima valutazione

Innanzitutto, si determina se l'organizzazione soddisfa i requisiti obbligatori della norma e se procedere alla fase successiva.

PROCESSO DI CERTIFICAZIONE

Preparazione dei documenti

Viene verificato se sono state sviluppate le procedure e gli audit necessari e viene esaminata la preparazione della valutazione da parte dell'istituzione.

PROCESSO DI CERTIFICAZIONE

Problema del documento

I risultati che emergono nelle prime due fasi vengono valutati e dopo che tutte le azioni correttive sono state riviste, viene avviata la preparazione dei documenti.

APPLICARE

Certificazione di sistema




Contattaci

Puoi chiederci di compilare il modulo per ottenere un appuntamento, ottenere informazioni più dettagliate o richiedere una valutazione.

© Copyright 2018 SCIENZA Documentazione tecnica Inc. Tutti i diritti riservati.